Impastiamo una presentazione, va…

Roma, 20 gennaio 2012.

Forse è ora di scrivere due righe in più rispetto alla presentazione precedente.
Intanto io mi chiamo Gianluca. Sono nato a Roma, il 6 3 1967. Sono illustratore e grafico. Disegno da sempre, direi. E lo devo a mio padre, Luciano. Mio padre, umbro d.o.c., ha sempre disegnato. Ricordo quando esponeva le sue grafiche al Festival dei Due Mondi a Spoleto. La microgalleria era spoglia (minimale, diciamo, va’…), c’erano solo le sue opere appese, un vecchio-quasi-antico tavolo fratino e pochissime sedie di legno, dipinte di bianco. Un po’ rustico, mentre i disegni di mio padre erano lì, eleganti, eterei, dal tratto finissimo, fatti nelle sue notti perugine, lavorando a rapidograf puntino per puntino, lineetta per lineetta. E io, fuori della porta, sulla strada che sbucava sul Duomo, che vendevo caricature alla gente.
O quando veniva a Roma, che lo guardavo disegnare (non molto a dire il vero, LUI è pazientissimo, io molto meno), e gli chiedevo di disegnare per me una storia… La passione per il disegno DEVE essermi venuta da lui, non credo di avere molti dubbi. Quindi ogni tanto incapperete in qualche illustrazione, vecchia o nuova. Tiè.

Poi c’è mio nonno materno, nonno Stefano. Una persona curiosa, autoritaria, decisamente vecchio stampo, peraltro ex-militare… ma aveva un amore incontenibile per la cucina. Siciliano, vissuto in America, si era portato appresso alcuni piatti della sua terra, con anche una nota-Brooklyn style in alcuni casi (come la Torta di mele alla Pellegrino). Era capace di fare la spesa a Piazza Vittorio (parliamo degli anni Settanta), partendo in macchina o con i mezzi da Montesacro. Un microviaggio. Quando gli hanno rubato la 500, il suo unico, accorato commento fu che c’era dentro tutta la spesa.
Gironzolava per le strade di Città Giardino raccogliendo pinoli, per fare il Pesto, i cui gusci spaccava, insieme ai timpani di mia madre, all’alba, con un martello, sul davanzale della finestra della camera da letto dei miei. Ovvio che un tale soggetto in primis mi abbia trasmesso una grande passione per la nobile arte della cucina.E quindi, dopo anni di pastrocchi, di pasticci, di invenzioni strampalate e di schifezze immangiabili, inizio a IMPARARE, a cucinare seriamente, e a postare per condividere con chi mi legge questa esperienza. Aggiungo che sia in casa di mamma, che di papà, le donne non sono mai state grandi cuoche, né avevano amore particolare per la cucina… MA a onor del vero, mia madre un merito ce l’ha: mi ha fatto mangiare e amare le insalate, quelle croccanti, fresche, che ti puliscono la bocca e che se mangiate con del pane buono sono sublimi. Che poi io preferisca la carbonara, vabbè, è solo un dettaglio, no???

In questo mix, non possiamo non metterci altri particolari.
Intanto, beh sono gay, e non è un dato indifferente. Non ho motivo di nasconderlo a nessuno, la mia famiglia lo sa da quando avevo 16 anni, e sono anche un attivista. L’Italia è molto molto arretrata su tanti punti. Tra cui, i diritti delle persone gay, lesbiche, trans, e via dicendo (il famoso glbt, o lgbt che dir si voglia). Combatterò sempre affinché si possa tutt* vivere in un paese moderno, democratico, che bandisca ogni forma di razzismo e di sessismo (ragazze, sveglia! :D), che rinneghi la non-cultura guerrafondaia, oppressiva, patriarcale. Che metta ogni persona nella condizione di realizzarsi in pieno, seguire i suoi sogni, essere quello che vuole essere. Anche su questo blog quindi troverete un bel po’ di “roba gay”, che siano le promo delle serate “bear” che organizzo insieme a Ugo, Manuel, Franco e Samuele, o delle lotte che facciamo insieme con ragazzi, ragazze e ragazz* di Orgogliosamente. Insomma, un bel po’ di frocerie… ;)
Ce lo vogliamo mettere l’amore per l’arte?? Ho studiato a lettere, Storia dell’Arte (senza mai finire il corso di laurea, però). E l’amore per le architetture gotiche, per le opere di Rotchko e di Matisse, la passione per i Preraffaelliti, la Sindrome di Stendhal che mi si affaccia nel vedere un affresco di Piero della Francesca o di Giotto… Beh, non sarà venuto dall’Università La Sapienza di Ro,ma, ma miracolosamente non me lo hanno fatto passare (ed è già tanto).
Posso ritagliare una piccola voce per la musica? Sono un onnivoro non particolarmente raffinato nei gusti e nelle scelte, a volte ossessivo, ma una cosa su tutto: Bach (grande, grandissimo, meraviglioso Bach). Poi, l’opera lirica (Mozart, Wagner, Puccini… etc etc…). E poi i Blur, Alanis Morrissette, i Pizzicato Five, Cole Porter, ma pure Dimitri from Paris, Madonna, musica etnica, etc etc…

Infine, ho da relativamente poco scoperto una nuova passione, che è la fotografia. Come per la cucina, sto imparando. Piano piano qualcosa viene fuori, dal primo scatto NERO quando ho preso in mano la d70 per la prima volta ora sono in grado di fare delle foto decenti. E su questo blogghettino trovate anche quello. Le foto dei miei viaggi (altra grande passione…), delle mie ricette, delle mie cavi…ehm dei miei amici che vengono sempre a cena da me.

Insomma. Questo sono io alla fine. Che vi piaccia o no. :) Dedico tutto quello che scrivo o posto qui in primis ai miei genitori, che sono davvero due persone meravigliose. Poi ai miei amici, cui tante mie cene sono dedicate, che subiscono l’assaolto delle calorie senza sottrarsi mai a un invito, e che sono l’altro mio pezzo di famiglia e di cuore. Un posticino speciale per il mio furetto sabaudo, che non riesce a mettere me a dieta, ma nemmeno a starci lui. :) E insomma, intorno a un tavolo ci si riunisce perché ci si vuole bene.

Bon Appetit!

3 thoughts on “Impastiamo una presentazione, va…

  1. È adorabile la semplicità con la quale ti sei dato “in pasta” ai tuoi lettori, perché in questa semplicità c’è la forza della lotta e il germe delle rivoluzioni. Un abbraccio da me che ti ricordo con tanta simpatia e affetto. E affettàti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...