Anche oggi voglio TUTTO.

Siccome per me tutti i giorni è Pride, ribadiamo alcuni concetti-base (per me, ovvio). Tipo che non devo scusarmi con nessuno se sono così e non cosà.

Tipo che i diritti sono di tutt* e non solo di chi paga le tasse. Questo perché nel 2010 sentti, a una riunione-workshop sul Pride (il Pride che poi abbandonammo in tanti) qualcuno dire: “Io pago le tasse e quindi ho diritto a sposarmi col mio compagno”. Ecco, posso dirlo? Io sul momento provai un brivido a sentire queste parole. Ma che significa? Che ragionamento è? I diritti fondamentali per cui tutt* lottiamo sono di tutt*, appunto. Anche degli evasori. Anche degli assassini. Non mi meraviglio se poi a quel Pride non ho partecipato. Un po’ è come dire che preferisco di gran lunga la Tiziana Maiolo che ha creato Nessuno tocchi Caino, per difendere anche chi sembra indifendibile perché esistono dei grandi principi su cui formare la propria etica,  alla Tiziana Maiolo che disse «È più facile educare un cane che un bambino rom» (ma almeno poi si dimise).

Tipo che non c’è nulla di disdicevole in un corpo nudo, e non è con una cravatta o un tailleurino che si acquista credibilità. Eppure sembra che se hai una giacca e una cravatta allora sei una persona affidabile e sicura. Beh. intanto è proprio una genìa di persone in giacca e cravatta (o eleganti tailleur firmati) che ha fatto e fa anche oggi scempio dell’Italia, dei suoi sistemi democratici, delle sue risorse. E poi noi siamo prima di tutto dei corpi. Dei corpi che desiderano. Dei corpi che vivono. E che spesso sono negati, perché ritenuti imperfetti, inferiori, non conformi. Invece ripartiamo da questi corpi, sentiamoli, amiamoli, esibiamoli senza vergognarcene.  Quei corpi siamo noi. Incarnano (letteralmente) i nostri desideri.

Tipo che se voglio una famiglia voglio anche decidere IO come cazzo la voglio. E voglio essere tutelato in tutto e per tutto anche se una famiglia o un compagno non ce l’ho. E se non la voglio. E anche se non voglio amare nessuno e restare da solo a rodermi il fegato, chiuso in una stanzetta solo con il mio gatto. Forse. Forse anche da solo e basta.

Tipo che io vivo in questo mondo non perfetto e non bello, e quindi non voglio chiudermi in un ghetto ma voglio sentirmi bene ovunque.
Anche oggi, voglio tutto.

3 thoughts on “Anche oggi voglio TUTTO.

  1. Grosso modo per le stesse motivazioni che ti hanno spinto a scrivere questo post io ho abbandonato bearwww e restituito la tessera UNO. Devo dire che mi sento meglio. Tanto bearwww e la tessera UNO servono solo per scopare, non per conoscere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...