Il Bulimico Ottimista, ovvero Orecchiette Guanciale e Menta.

Orecchiette Guanciale e Menta.

Insomma. Ricapitoliamo un attimo. Crisi economica devastante. La mia, in particolare. Due raffreddori come non ne avevo da anni. La neve a Roma. Una serie di grane che la metà bastavano. Sesso, manco mi ricordo più che è (già, che è?). Una cosa bella che finisce (si trasforma e cambia, resta bella, ma insomma sai che non è più quel mezzo sogno di prima). La prima riunione di preparazione del Roma Pride 2012 che è stata un epico gettafango come da tempo non se ne vedevano. Insomma. Non ci siamo fatti mancare nulla. In più, domani è il 29 febbraio. Anno bisestile. BBBRRR. Siete scaramantici? Io no. Però.
Dimmi se poi, da bravo bulimico, dopo una tale rassegna non ti viene una fame da lupi.
Ecco. In questo panorama deprimente, ogni tanto ci sono dei raggi di luce. Dei bei libri letti, per esempio. O la scoperta che alcune persone vicine a te scrivono, e anche bene.
Ovviamente anche amici e amiche, conosciute, o incontrate dopo tanto tempo. Relazioni che si rinsaldano, che si approfondiscono e prendono forma. Qualche possibile incontro un po’ intrigante. Insomma, ‘sto 2012 è iniziato freddo, scostante, cattivello. Ci ha fatto molto apprezzare i nidi caldi, le tane, il raggomitolarsi tra amici, ma insomma… qualcosa non quadra… ti rendi conto che non si può vivere sempre sulla difensiva, aspettando il peggio.

Stanno anche arrivando le prime giornate di sole. Roma così è meravigliosa. Una luce bellissima, dei colori che si superano solo in ottobre… Fa ancora freddo, ma già senti un desiderio diverso, di qualcosa di tenero, di fresco… Insomma. Non è primavera ma la vorresti qui.

Anche in cucina funziona così, anzi. E quindi prendi un piatto di per sé non proprio leggero, di cui hai una voglia insana, e… e lo alleggerisci appena un po’ con un odore, una spezia… Insomma, gli butti lì quell’anticipo di primavera che desideri. Hai deciso. magari sono stupido, ma sicuramente sono ottimista. :)
E ecco allora le Orecchiette con Guanciale e Menta. Era una sera solitaria, avevo fame, fredda, e però anche quel desiderio in più, di un sapore nuovo ma semplice. Apro il frigo e guardo cosa c’è…
La ricetta è stupidissima, in realtà. Mentre fate bollire l’acqua per la pasta, fate a fettine sottili del guanciale e mettetelo in una padellina a soffriggere, da solo, senza nulla. Fatelo diventare croccante e poi toglietelo dal fuoco. Nel frattempo, fate un bel trito di menta fresca (l’ideale sarebbe la Mentuccia Romana, io avevo invece della semplice Menta). Aggiungete un po’ di olio e abbondante pecorino, e fate una sorta di cremina-pesto. lasciate qualche foglietta separata ancora intera. Alla fine, quando state per scolare la pasta, prendete un po di acqua di cottura delle orecchiette e emulsionate il pesto con quella. Versate le orecchiette al dente in una padella, conditele con il pesto di menta e pecorino, aggiungete il guanciale croccante e un po’ di piccante, del peperoncino o della Harissa sarebbe l’ideale. Io ho la fortuna di avere della Harissa in gelatina aromatizzata alle rose, quindi un barattoletto di Nord Africa concentrata (grazie, Irene). L’aroma freschissimo della menta e il vaghissimo accenno di rosa (ma è davvero quasi inesisente), insieme al sapore forte e salato di pecorino e guanciale, e al peperoncino piccante, si mescolano in un piatto che poi è davvero semplice, un po’ povero, ma molto molto buono e soprattutto ti fa dire “vabbè, dai, che tra un po’ le cose andranno meglio, è già nell’aria”.

Bulimico sì, ma ottimista. :)

Orecchiette Guanciale e Menta.

5 thoughts on “Il Bulimico Ottimista, ovvero Orecchiette Guanciale e Menta.

  1. La primavera è lì che sbircia, nascosta dall’inverno, ma osserva e ridacchia, ama essere desiderata, e quando il pubblico è stanco si presenta!
    Però è proprio vero, prima che luci, colori ed odori siano realmente tornati, la nostra mente può ricordarci del perchè la primavera sia una così bella stagione. Ed ecco riaffacciarsi la voglia di sapori freschi, più leggeri. E’ un po’ il segno che il letargo volge al termine: cambiano le giornate, gli stimoli e le voglie. Cambia la tavola!
    Bella ricetta, da provare prestissimo!

  2. È stato un febbraio terrificante anche per me e benché la primavera non sia la mia stagione preferita quest’anno l’aspetto come un vampiro. Per fortuna tutto fluisce  e sto ringraziando ogni tiepido raggio di luce.
    Ricetta interessante e golosa e benché potrei vivere quasi esclusivamente di pasta lunga AMO le orecchiette. Geniale la menta.
    Insomma: grazie Gian. Per la condivisione, la delicatezza e, anche, per la ricetta.

  3. Un accostamento di colori, sapori e odori fantastico. La menta rinfresca l’anima oltre al palato. Mi piace tutto, anche se quella cosa che profuma di rosa ma rosa non è non l’avevo mai sentita prima. C’è tutto da imparare da questo blog. Bello.
    Bacio e buona primavera.
    Mr. Geppetto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...